Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

Aziende

Montalcino: Potenza ma soprattutto eleganza – Tenuta Le Potazzine

In occassione dell’evento Benvenuto Brunello parliamo di una grande realtà di Montalcino.

Tenuta Le Potazzine nasce nel 1993 quando Gigliola Giannetti, dopo 19 anni di lavoro presso la Tenuta Greppo – alias Biondi Santi, fonda la sua tenuta vitivinicola.

Attualmente l’azienda vanta cinque ettari vitati di cui 3,5 attorno alla tenuta e gli altri 1,5 in una zona più alta. L’età media delle vigne, ollocate nella zona di Sant’Angelo in Colle e nella zona opposta,  supera i 25 anni.

“Potazzine” è il modo in cui vengono chiamate le “cinciallegre” a Montalcino,  tanto che il nome veniva già usato dalla nonna materna per chiamare in modo affettuoso le nipoti Sofia e Viola, figlie di Gigliola, le stesse che ora affiancano la madre nella conduzione aziendale.

L’azienda pone grande attenzione alla fermentazione naturale, per scelta non si usano lieviti selezionati, e si prediligono lunghe macerazioni per avere dei vini molto eleganti, raffinati e femminili. Questi gradi vini si traducono in uno stile per nulla potente come talvolta riscontriamo a Montalcino, ma al contrario vellutati ed eleganti. Pensate che della tipologia Brunello di Montalcino Riserva, ne sono state prodotte solo 4 annate (2004, 2006, 2011 e 2015) e questo perché la si produce di rado e solo quando alcune annate sono davvero idonee per questa tipologia.

Il simbolo aziendale delle “cinciallegre”

 

Il clima è influenzato in gran parte dalle ampie colline circondate da boschi che proteggono le vigne dai venti troppo freddi, nonché oliveti e soprattutto da un gran numero di edifici in pietra che testimoniano la centenaria coltivazione, proprio all’interno delle mura cittadine infatti è possibile trovare il ristorante di famiglia chiamato la “Vineria di Tenuta le Potazzine.

Il terreno è ricco di argilla e galestro con presenza ferrosa nel sottosuolo che garantisce una buona profondità idrica specialmente nei periodi più critici di siccità.

All’interno della cantina

Nella bottaia solo legni francesi

Rosso di Montalcino 2017

La tipologia Rosso di Montalcino è di grande valore e troppo spesso sottovalutata ed invece meriterebbe più spazio soprattutto sulle nostre tavole.

Molto adatta anche ad abbinamento con piatti di pesce come il cacciucco, è di grande eleganza gustativa, per un vino dal frutto rosso deciso lungo, croccante, tannico e dalla presenza alcolica elegante e struggente.

Ho bevuto il 2017 ed il 2010 di questo vino e wow anche il rosso dispone di grande longevità ve lo assicuro!

Abbinamento con cacciucco alla livornese o se preferite la carne ad una bella fiorentina al sangue.

Brunello di Montalcino 2016

Un vero vino suadente e femminile che fa emergere note di violetta, spirito balsamico, spezie dolci, nota di caffè, con una buona spalla acida decisa e dal bellissimo equilibrio gustativo al palato.

Ho avuto il piacere di provare anche l’annata 2014 ed era davvero spettacolare!

Tannino elegantissimo, qui l’acidità di una annata difficile e piovosa è stata fondamentale per donare questa longevità alla bottiglia.

Abbinamento con anatra cotta alla brace, salsa koji (fatta con l’orzo fermentato e montato con il burro) e bacche di sambuco.

 

avatar
Scritto da

Sommelier originario della Val Gardena nel cuore delle Dolomiti, gli studi sono stati illuminanti: è da questi che nasce il suo amore per il mondo del vino. Il suo trampolino di lancio è stato il ristorante tristellato St. Hubertus - Rosalpina a San Cassiano in Alta Badia, dove ha ricoperto il ruolo di Capo Sommelier e durante il lavoro consegue il diploma WSET (Wine and Spirits Education Trust) nel 2019. La sua voglia di mettersi in gioco lo ha spinto a partecipare anche ad alcune competizioni, classificandosi 1° al Trofeo del Soave 2019; 1° al Master Chianti Classico 2020 premio comunicazione; 1° al Master dell’Albana 2020; 1° italiano a vincere il Master del Pinot Nero nel 2021 e arrivando tre volte in finale ai Campionati Italiani Sommelier 2018, 2019 e 2021. Oggi, è docente presso l’Associazione Italiana Sommelier e all’Istituto alberghiero di Merano, partecipa alla stesura della Guida Vitae - I migliori vini d’Italia, brand ambassador per il marchio Cedea luxurywater della Val di Fassa e svolge anche il ruolo di Wine & Beverage Consultant per molte realtà italiane nella costruzione/assistenza delle carte da vino, formazione del personale ristorativo e guida di masterclass per cantine e consorzi di tutela.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2020 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia