Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

sdr

A tavola con il produttore

Gualdo del Re presenta a Roma l’ultima creatura Quintoré 2016 in abbinamento alla raffinata cucina di Retrobottega

Quintoré è l’ultimo nato in casa Gualdo del Re. Un Costa Toscana Igt da uve Merlot, realizzato sotto la guida di Barbara Tamburini, e frutto del vigneto che nel 2015 ha prodotto l’elegante “progetto f”.

Per presentare la loro ultima creatura, figlia della vendemmia 2016, Nico e Teresa Rossi, i dinamici coniugi proprietari dell’azienda di Suvereto, hanno scelto la raffinata cucina di Retrobottega, senz’altro una delle realtà più interessanti tra quelle che animano il centro di Roma.

Dopo il conviviale e delizioso aperitivo di benvenuto innaffiato dal Valentina 2018, gradevole Vermentino fresco e sapido, tutto mare, fiori e macchia mediterranea, prodotto dall’azienda livornese, ospitato nel retro di Retrobottega, vale a dire RetroVino, la nuova enoteca realizzata dove prima sorgeva il laboratorio di cucina del ristorante, ci è stata offerta l’opportunità di scoprire come il nuovo gioiello di Gualdo del Re affrontasse l’alta cucina di Giuseppe Lo Iudice e Alessandro Miocchi.

Ogni singolo piatto del menu elaborato per l’occasione dalla brigata di Retrobottega ha assecondato il Quintorè, lasciando che fosse sempre il vino a emergere senza prevalere eccessivamente.

Cavolo in galantina, uno dei piatti proposti da Retrobottega in abbinamento al Quintorè

 

Non sono mai stato un grande sostenitore del Merlot. Le seduzioni burrose e barocche cui il signore di Pomerol mi ha abituato, spesso a causa di discutibili interpretazioni (italiane e non solo), hanno scavato tra me e lui un solco riempito di diffidenza che raramente riesco a superare di slancio se la bottiglia che lo contiene proviene da luoghi che non siano nelle immediate vicinanze della Gironda.

Il Quintoré non è un Merlot didattico. O quanto meno questa prima annata, è lontana anni luce dalla didattica deviata che si è costruita su questo vitigno, in Italia soprattutto.

Quintoré è prodotto da uve Merlot in purezza, allevate a guyot e cordone speronato a 100 metri sul livello del mare, su terreni prevalentemente argillosi, sabbiosi e ciottolosi, con una densità di impianto di 6500 ceppi per ettaro e una resa di 40 quintali per ettaro.

La fermentazione alcolica avviene in vasche di acciaio inox a temperatura controllata, mentre la malolattica è svolta successivamente in barrique nuove, dove il vino matura per 18 mesi, prima di subire un ulteriore affinamento in bottiglia lungo 12 mesi.

Da solo o in abbinamento ad ogni singola portata del pranzo, il Quintoré 2016 si è espresso con eleganza e piacevolezza, mostrando pienezza e voluttuosità tipiche del vitigno ma senza scadere nella ruffiana opulenza di certi blasonati cugini toscani.

La freschezza e la grande sapidità di cui è dotato non appartengono al vitigno, ma al territorio: Notri, la frazione di Suvereto in cui sorge l’azienda, si trova a 4 miglia dal punto in cui la costa tirrenica guarda all’Isola d’Elba e le viti risentono notevolmente del benefico influsso marino.

Rosso rubino intenso. Al naso seduce senza esagerare, mantenendo il punto su un elegante equilibrio: la sinergica azione di succulente more di rovo e di un’avvolgente marasca in confettura, restituiscono insieme dolcezza e freschezza. Lontani echi vanigliati aprono la strada a una leggera e indefinita trama speziata, accompagnata da sbuffi di menta e cioccolato e da ricordi balsamici di lentisco.

L’ingresso in bocca è morbido ma via via diventa dinamico e nient’affatto barocco. La dolcezza della marasca in confettura domina il centro del cavo orale, il frutto diventa più croccante e succoso ai lati della lingua che viene accarezzata e ripulita da un tannino dalla trama fitta e vellutatissima. Freschezza e sapidità sorreggono il sorso fino al lungo finale caratterizzato da piacevoli ritorni speziati e mentolati.

Vino di grande finezza e che si colloca in una fascia di mercato alta (la bottiglia dovrebbe costare sugli 80 euro in cantina) Quintoré vedrà la luce, o per meglio dire la bottiglia con l’elegante etichetta grigia, solo nelle migliori annate, quelle che Nico Rossi e Barbara Tamburini giudicheranno all’altezza di uno standard qualitativo adeguato a rappresentare l’eccellenza cui questo vino punta e che ha raggiunto in questa prima annata. Distribuito sul territorio nazionale da Proposta Vini, sarà in commercio a partire da gennaio 2020.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

La ricetta della prelibata ciambella al mosto cotto

Cali di Zucchero

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia