Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

Degustazione

Franciacorta – Cascina Clarabella: luogo del possibile

Cascina Clarabella, oltre ad essere un produttore di Franciacorta, è, e soprattutto, un progetto di inclusione destinato alle persone con fragilità psichiche.
È una cooperativa agricola sociale operativa in diversi settori: dalla cantina al frantoio, dall’agroittica all’agriturismo e al ristorante.

Con lo scopo di creare opportunità riabilitative e di lavoro, nel 2003 nasce il primo vigneto di 1,7 ettari. Fin da subito il regime è quello di agricoltura biologica in coerenza con il benessere delle persone e della relativa salute mentale.

Clarabella

Attualmente gli ettari sono diventati 13 ripartiti in differenti zone della Franciacorta.

I vitigni impiantati sono quelli classici, ovvero Chardonnay, per un 80% della superficie, e Pinot nero.
La cantina è un luogo funzionale, con numerose piccole vasche che permettono di effettuare vinificazioni separate e per parcelle.

La gamma di prodotti rispecchia quella classica dei Franciacorta. Ovvero Brut, Saten e Pas Dosé, rosé e millesimato.

Interessante è anche la produzione di un Curtefranca Bianco le cui uve provengono da un vigneto sul Monte Orfano; il vino matura in barrique sulle fecce per 12 mesi.

Clarabella

Franciacorta DOCG Brut
Chardonnay 100%, tra 20 e 28 mesi sui lieviti, 5 gr/l di residuo zuccherino.
Il perlage è esuberante e lunghissimo. Il naso è elegante e delicato. Sono nettamente percepibili le note di agrume, cedro, e di panificazione. Il sorso è pieno e deciso caratterizzato da una buona acidità; buona la persistenza che nel finale manifesta una buona dose di sapidità. Bolla integrata e fine.

Franciacorta DOCG Rosé “Annalisa Faifer”
Pinot nero 85%, Chardonnay 15% provenienti dal Monte Orfano. 4 gr/l residuo zuccherino, 30 mesi sui lieviti. Dedicato a una donna dal forte carisma che ha avviato la costruzione della realtà agricola di Clarabella.
Colore scarico che ricorda la buccia di cipolla, lungo e fine il perlage. Al naso sentori di melagrana e fragoline di bosco; leggera vena tostata. In bocca è sapido e minerale con accenni al tempo stesso dolci. Buona la lunghezza, chiude con un finale morbido.

Clarabella

Franciacorta DOCG non dosato Èssenza
Chardonnay 100%, 24 mesi sui lieviti, il 15 % della massa fermenta in legno. Ottenuto principalmente dalle uve del vigneto “Cascina” all’interno del Borgo Clarabella.
Lungo perlage solca il calice giallo paglierino. Le note di agrume, di cedro, prevalgono all’olfatto. In bocca si trasformano in grande sapidità, mineralità e acidità. L’agrume, anche dolce, ritorna elegante e con un finale leggermente amaricante.

Franciacorta DOCG non dosato millesimato “180” 2014
Pinot Nero 80%, Chardonnay 20%, 50% delle uve vinificate in barrique, 80 mesi sui lieviti.
Giallo oro, luminoso. Il naso è subito complesso, frutta matura a pasta bianca, note di lievitazione, fiori, ginestra, poi ancora note dolci. Elegante e fine, raffinato, è giocato su sentori delicati.
In bocca sprigiona la sua forza: è corposo, esuberante nella sua lunga compostezza. Bollicina finissima con un finale amaricante che riporta alla mandorla amara.

Curtefranca DOC Cesare Cantù 2019
Da uve Chardonnay in purezza provenienti dal Monte Orfano. Vinificazione e maturazione in barrique sulle fecce fini per 21 mesi.
Il colore, giallo paglierino, non lascia presagire le note olfattive che si incontrano e che spaziano dalla frutta matura all’etereo. Elegante e inaspettato. Sottile ma al tempo stesso complesso, si dipana in bocca con un grande volume. La nota sapida è decisa e la persistenza lunghissima. Un vino da degustare anche a fine pasto.

avatar
Scritto da

Dopo una trentennale brillante carriera in ambito amministrativo finanziario all’interno di un noto gruppo multinazionale, dal maggio 2018 si dedica totalmente al mondo del vino del quale è appassionato partecipe da oltre quindici anni. Sommelier dal 2005 e degustatore Associazione Italiana Sommelier, assaggiatore di formaggi ONAF, assaggiatore di grappe e acqueviti ANAG e degustatore professionista di birre ADB, è relatore in enologia nei corsi per sommelier. È stato responsabile redazionale del sito internet della delegazione AIS di Milano e ha collaborato alla stesura delle guide Vitae e Viniplus. È redattore per la rivista Viniplus di Lombardia, per la quale cura due rubriche, è inoltre autore per la rivista Barolo & Co e per le testate on-line vinodabere.it, e aislombardia.it.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2021 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia