Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

cocktail ispirati al cinema

Drink VERONA BEACH (film “Romeo + Giulietta di William Shakespeare”) di Virginie Doucet

Continuiamo il nostro viaggio tra i cocktail ispirati al cinema.

Stavolta vi parliamo del DRINK: VERONA BEACH
ispirato a “
Romeo + Giulietta di William Shakespeare”, di Baz Luhrmann, 1996


BARTENDER: Virginie Doucet bartender del Mad – Soul & Spirits di Firenze, già vincitrice del Premio Strega Mixology 2019

INGREDIENTI:
3 cl tequila Villa Lobos
2 cl Mistrà Pallini
2 cl lime fresco
2 cl Oleo Saccharum Limone e Kiwi
homemade
1,5 cl albume
2 dashes Bitter Electric
Essenza liquore di Rosa Quaglia

Bicchiere: coppetta

Garnish: polvere di colore a base di piante edibili e una rosa

PREPARAZIONE:
Con la tecnica del double shake & fine strain, versare nello shaker, uno dopo l’altro, tutti gli ingredienti, tranne l’essenza di rosa. Shakerare una prima volta con ghiaccio, quindi togliere il ghiaccio stesso e shakerare una seconda volta, energeticamente. Versare nel bicchiere già raffreddato e spruzzare sul cocktail l’essenza di rosa. Spargere sopra della polvere dei diversi colori e lasciare la piccola rosa su un lato del cocktail.

ISPIRAZIONE:
Verona Beach è un cocktail ispirato al film Romeo + Juliet di Baz Luhrmann, rielaborazione post-moderna della tragedia di Shakespeare ambientata nella città scaligera, un mix fra opera classica e cultura pop, con, in sottofondo, una storia d’amore impossibile e l’odio profondo tra due potenti famiglie. Un cocktail saporoso, ricco, con una selezione di prodotti e distillati di qualità che, uniti, creano un’esperienza delicata, che solletica olfatto, gusto e anche vista in modo originale, grazie alla freschezza del kiwi e del Mistrà Pallini, all’eleganza della rosa Quaglia e alla corporosita della tequila Villa Lobos.

 

Scritto da

Giornalista enogastronomico, una laurea cum laude in Economia e Commercio all'Università La Sapienza di Roma, Responsabile per l'Italia del Concorso Internazionale Grenaches du Monde, Giudice del Concorso Mondiale di Bruxelles e Giudice del Concorso Mondiale del Sauvignon, docente F.I.S.A.R.. Ha una storia che comprende collaborazioni con Guide di settore. Cito solo le ultime : Slow Wine (Responsabile per la Sardegna edizioni 2015 e 2016), I Vini de L'Espresso (vice-curatore e coordinatore nazionale edizioni 2017 e 2018), I Ristoranti d'Italia de L'Espresso (edizioni dalla 2010 alla 2018). Collabora con le testate: www.lucianopignataro.it , www.repubblica.it/sapori ed Epulae. Ha scritto alcuni articoli sul quotidiano "Il Mattino" e su www.slowine.it. Ha una passione sfrenata per quel piccolo continente che prende il nome di "Sardegna", per le sue terre e per la sua gente.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

La ricetta della prelibata ciambella al mosto cotto

Cali di Zucchero

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia