Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

Comunicati Stampa

Concorso mondiale del Sauvignon: il Sauvignon Blanc Sloveno è la prossima grande novità? Is slovenian Sauvignon blanc the next big thing?

 

By Paul White

 

Inserita tra Austria, Italia, Ungheria e Croazia, la Slovenia è stata finora ampiamente trascurata nel mondo del vino. Eppure, in termini di interessante terroir del Sauvignon Blanc, è difficile pensare a qualsiasi altro paese che offre uno spettro così ampio di stili Sauvignon – da fresco Alpino al soleggiato Mediterraneo – in uno spazio così compatto.   

Prima di spiegare perché, prima un po’ di background.

Gli stili di Sauvignon più nuovi e distintivi del mondo sono usciti inaspettatamente dalla regione del Sud-Austria Suid-Steiermark circa un decennio fa. Spinti da un clima freddo, pendii alpini ripidi e, senza dubbio, un tocco di moderazione culturale austriaca, gli esempi più selvaggi di Sauvignon sono stati realizzati in una purezza lineare e l’austerità non si trova da nessun’altra parte sulla terra: il Sauvignon è più simile al Riesling secco.

Ora un po’ di geografia storica.

In precedenza, il vecchio impero austro-ungarico conteneva l’antico ducato di Stiria, che era diviso in Alta Stiria di lingua tedesca , Steiermark austriaco e Bassa Stiria di lingua slava , Slovenia orientale ( Štajerska) e un po ‘di Croazia.

Oggi tutto ciò si ricollega al Sauvignon sloveno. Condividendo il confine settentrionale con Suid-Steiermark, la Slovenia può avere lo stile austriaco del Sauvignon, ma può anche avere una varietà di stili Štajerska modellati da profili slavi più caldi, speziati e più appassionati.

La famosa strada del cuore di Svecina si trova sul versante sloveno del confine Sud Steiermark e Stajerska

La maturità slovena del Sauvignon

Nell’ultimo decennio tre fattori culturali hanno spinto significativamente la cultura slovena del Sauvignon.

In primo luogo, gli sloveni hanno osservato gli sforzi concertati della vicina Steiermark per produrre Sauvignon di alta qualità e hanno riconosciuto potenziali simili per il successo.

Un secondo traguardo importante è stata la conferenza incentrata sul Sauvignon del 2014 a Zagabria, a tema Una varietà, tre paesi, tre regioni, un terroir. Ciò si è rivelato fondamentale nel ricollegare l’Austria, la Slovenia e la Croazia, il “terroir della Stiria” austro-ungarico comunemente condiviso e stabilire linee di comunicazione, esperienze condivise e potenziali piani di sviluppo.

Un terzo fattore è stato lo sviluppo del festival di degustazione di vini Salon Sauvignon * di Ptuj . Questo evento annuale, focalizzato sul consumatore, ha creato un brusio tra un pubblico giovane desideroso di seguire le ultime tendenze stilistiche del Sauvignon – Sauvignon è diventato sexy.

Percorrere sotto la superficie di tutto ciò è stata una rivoluzione tecnologica che ha migliorato costantemente la qualità del vino sloveno negli ultimi due decenni.

Janez Valdhuber, professore all’università di Maribor e enologo di Falot, indica che il progresso del Sauvignon è stato notevolmente favorito da uno spostamento alla produzione in acciaio inossidabile a temperatura controllata e dall’introduzione e selezione di lieviti inoculati che fanno ” un uso migliore dei precursori del sapore SB ” e ” una forte tendenza a usare il contatto con la buccia prima di pigiare l’uva ”.

Anche i cambiamenti viticoli hanno avuto un ruolo importante. Valdhuber suggerisce che un fattore importante è stato il passaggio dal tradizionale ” sistema di allevamento a due canne per vite (doppio Guyot) a un bastone, un semplice sistema Guyot comune oggi “. Ciò ha ridotto significativamente le rese a 1-1,5 kg / vite, portando a maturità equilibrata e maggiore concentrazione di frutta. Valdhuber afferma: “I produttori stanno raggiungendo la piena maturità dell’uva 9 volte in 10 anni ormai, dove prima erano 2-4 in 10 anni “.

Valdhuber riassume nel tempo ampi cambiamenti negli stili del Sauvignon: “ Negli anni 1990-2000 c’erano molti Sauvignon con alcuni zuccheri residui [8-20 grammi], anche con una maggiore acidità (in questo clima più freddo). Ora c’è più carattere di frutta e un ottimo equilibrio nel gusto. Ci sono alcuni vini SB “verdi”, ma ora prevalentemente fruttati “.

Regionalismo

La produzione di Sauvignon è incentrata su due aree. Štarjerska è la regione più grande e più fresca che copre la maggior parte della Slovenia orientale (vecchia Bassa Stiria). Le sottoregioni Brda e Vipava della Primorska più occidentale sono considerevolmente più calde al confine con le regioni Friuli / Collio e influenzate dal Mediterraneo.

Štarjerska ha una superficie di circa 100 km quadrati e continua la discesa graduale dei contrafforti alpini di Steiermark negli altopiani croati appena oltre il confine meridionale. Centrato intorno a due città, Maribor e Ptuj, la regione collinare di Štajerska forma una forma a ferro di cavallo che si apre verso est sulla pianura pannonica ungherese. Il freddo scorre giù dalle Alpi, contrastato da estati calde e inverni gelidi dalle pianure.

La sottoregione più fresca, Svečina condivide pendii ripidi con Suid-Steiermark dove molti vigneti di famiglia sono stati tagliati a metà dal confine. Direttamente a sud ci sono gruppi di vigneti altrettanto ripidi che circondano Maribor. I principali vigneti di Ptuj sono le colline di Haloze a sud e le colline di Jeruzalem-Ormož direttamente a est.

Queste regioni sono definite dal paese di collina e, il più delle volte, da vigneti ripidi o terrazzati che si snodano intorno a valli strettamente merlate. Trovare la migliore esposizione ed elevazione SW / S / SE è essenziale per la maturazione. Le altitudini all’interno di un singolo vigneto possono variare tra 250-480 metri creando una differenza di raccolta di due settimane tra pendenze superiori e inferiori.

Michael Gross di Vino Gross, dopo aver lavorato i raccolti nei vigneti di Steiermark, Haloze e Maribor, ritiene che “ Maribor – Svečina abbia quasi lo stesso clima della Stiria meridionale. Haloze e Maribor sono più simili nella temperatura, ma a causa delle condizioni più umide di Maribor il raccolto è successivo. Jeruzalem è sicuramente il più caldo ”. Continuando, ” Iniziamo a raccogliere il Sauvignon Blanc circa 7-10 giorni prima (ad Haloze) che nella Stiria meridionale o nella regione di Maribor “.

Il Brda e il Vipava di Primorska periferici contrastano la loro stretta vicinanza al Mediterraneo piantando vigneti sulla ripida, più alta quota (100-380 m), ai piedi finali delle Alpi. Ciò cattura i venti freddi prevalenti che scorrono dalle vallate più alte, rallentando la maturazione e preservando l’acidità. Condividendo i confini e le condizioni climatiche con il Friuli italiano, gli stili sono naturalmente più caldi della Slovenia interna.

Livelli indicativi di alcolici dai miei appunti di degustazione di vini di due dozzine di produttori sloveni in tutte le regioni rafforza queste aspettative subregionali: Svečina e Maribor al 12%, per poi risalire di circa il 12,5% tra lì e Jeruzalem, dove il 12,5-13% sembra più la norma . Le regioni costiere hanno portato l’alcool di un livello al 13-14%.

Botti di rovere grandi tipiche tipiche a Vina Gross

Stili di Sauvignon sloveno

Numerosi produttori sloveni hanno suggerito uno stile Štajerska sovrastante che è più leggero, più floreale e più fruttato della Loira, meno erbaceo e tropicale dell’emisfero australe. Uno scopo universale concordato è concentrazione e purezza.

L’impressione più sorprendente di tutto il Sauvignon sloveno è quanto fossero relativamente asciutti (0-3 grammi) e puramente fruttati. In generale, i vini avevano buoni livelli di acidità naturale, ben bilanciati dalla maturità dei frutti. La prevenzione di forti aromi a base di pirazina e erbe sembra universale.

È interessante notare che nelle regioni più fresche i caratteristici aromi di bosso soppiantano caratteristiche erbacee più verdi. Erano comuni anche note speziate, floreali e di menta, con frutti nello spettro di agrumi, uva spina e mela Granny Smith.

I vini Jeruzalem-Ormož più caldi tendevano ad essere più corposi, meno floreali, più spinti dalla frutta e meno acidi e le regioni costiere sono ancora più calde, piene, molto più fruttate (in pesca e caratteri tropicali) e meno acide.

E quindi, sì, credo che il Sauvignon sloveno sia destinato alla gloria.

* Salon Sauvignon si tiene dal 26 al 27 giugno 2020 http://salonsauvignon.eu/en/

Sauvignon Aziende vinicole slovene per regione

  • ŠTAJERSKA PODRAVJE – SVEČINA: Vino Falot, Vinarstvo Gaube, Vino Kušter, Vino – turizem Valdhuber, Dveri Pax Estate;
  • ŠTAJERSKA MARIBOR: Zlati Grič, Vino Frešer, M-Vina, Vinogradi Horvat, Vino Kaloh;
  • ŠTAJERSKA HALOZE: Ptujska Klet (Pullus), Vino Gross;
  • ŠTAJERSKA ORMOŽ-JERUZALEM: Family Estate Puklavec, Verus Vinyards;
  • PREKMURJE: Vina Marof, Steyer vina;
  • POSAVJE -KRŠKO: Vina Albiana, Klet Krško;
  • PRIMORSKA – VIPAVA: Guerila vina, Vina Poljšak, Klet Vipava 1894;
  • PRIMORSKA – BRDA: Klet Čarga, Klet Brda, Klet Zanut;
  • PRIMORSKA KRAS: VinaKras;
  • PRIMORSKA – COSTA: Brič Estate.

 

Sandwiched between Austria, Italy, Hungary and Croatia, Slovenia has been largely overlooked in the wine world to date. And yet, in terms of interesting Sauvignon Blanc terroir, it’s hard to think of any other country that offers such a wide spectrum of Sauvignon styles — from briskly Alpine to sunny Mediterranean — within such a compact space.
Before explaining why, a little background first.
The world’s newest, most distinctive Sauvignon styles unexpectedly popped out of Southern Austria’s Suid-Steiermark region about a decade ago. Driven by cool-climate, ultra-steep, Alpine slopes and — no doubt — a touch of Austrian cultural restraint, Sauvignon’s more savage characters were honed into a linear purity and austerity found nowhere else on earth — Sauvignon more akin to bone dry Riesling.
Now some historical geography.
Previously, the old Austro-Hungarian Empire contained the ancient Duchy of Styria. That was divided into German speaking Upper Styria, Austria’s Steiermark, and Slav speaking Lower Styria, eastern Slovenia (Štajerska) plus a bit of Croatia.
Relating all this back to Slovenian Sauvignon today. Sharing its northern border with Suid-Steiermark, Slovenia can do Austrian Sauvignon style, but it can also do a variety of Štajerska styles shaped by warmer, spicier, more passionate Slavic attitudes.


Slovenian Sauvignon’s coming of age
Over the last decade three cultural factors have nudged Slovenian Sauvignon culture along significantly.
Firstly, Slovenians observed neighboring Steiermark’s concerted effort to produce high quality Sauvignon and recognized similar potentials for success.
A second important milestone was Zagreb’s 2014 Sauvignon focused conference, themed One variety, three countries, three regions, one terroir. This proved seminal in reconnecting Austria, Slovenia and Croatia’s commonly shared Austro-Hungarian ‘Styrian Terroir’ and establishing lines of communication, shared experience and potential developmental plans.
A third factor has been the development of Ptuj’s Salon Sauvignon* wine tasting festival. This annual, one day, consumer focused event has created a buzz amongst a youthful audience eager to follow the most recent Sauvignon stylistic trends – Sauvignon became sexy.
Percolating under the surface of all this has been a technological revolution steadily improving Slovenian wine quality over the last two decades.
University of Maribor professor and Falot’s winemaker, Janez Valdhuber, indicates Sauvignon progress was markedly improved by a shift to temperature controlled stainless steel production and the introduction and refinement of inoculated yeasts that make “better use of SB flavor precursors” and “a strong trend to use skin contact before pressing the grapes”.
Viticultural changes have also played a major role. Valdhuber suggests a major factor has been the shift from traditional “two canes per vine (Guyot double) training system to one cane, simple system Guyot common today”. This has significantly dropped yields to 1-1,5 kg/vine leading to balanced ripeness and more fruit concentration. Valdhuber says, “Producers are getting full grape maturity 9 times in 10 years now, where before it was 2-4 in 10 years”.
Valdhuber summarizes broad changes in Sauvignon styles over time: “In 1990-2000s there were a lot of Sauvignons with some residual sugars [8-20 grams], also with higher acidity (in this colder climate). Now there is more fruit character and very good balance in taste. There are some “green” SB wines, but predominately fruity ones now”.
Regionalism
Sauvignon production is centered in two areas. Štarjerskais the largest and coolest region covering most of eastern Slovenia (old Lower Styria). Westernmost Primorska’s Brda & Vipava sub-regions are considerably warmer bordering Italy’s Friuli/Collio regions and influenced by the Mediterranean.
Štarjerska is roughly 100km square and continues Steiermark’s Alpine foothills’ gradual descent into the Croatian Uplands just across the southern border. Centered around two cities, Maribor and Ptuj, Štajerska’s hill country forms a horseshoe shape opening eastward onto Hungary’s Pannonian Plains. Cold weather flows down off the Alps, countered by hot summers and freezing winters off the Plains.
The coolest sub-region, Svečina shares it steep slopes with Suid-Steiermark where many family vineyards have been cleaved in half by the border. Directly south are clusters of similarly steep vineyards surrounding Maribor. Ptuj’s main vineyards are the Haloze hills to the south and Jeruzalem-Ormož hills directly east.
These regions are defined by hill country and, more often than not, steeply sloped or terraced vineyards that wind their way around tightly crenulated valleys. Finding the best SW/S/SE exposure and elevation is essential to ripening. Altitudes within a single vineyard can range between 250-480 metres creating a two week harvesting difference between upper and lower slopes.
Michael Gross of Vino Gross, having worked harvests in Steiermark, Haloze and Maribor vineyards, reckons “Maribor – Svečina have almost the same climate as Southern Styria. Haloze and Maribor are more similar in temperature, but due to Maribor’s wetter conditions harvest is later. Jeruzalem is certainly the warmest”. Continuing, “We start harvesting Sauvignon Blanc about 7-10 days earlier (in Haloze) than in Southern Styria or the Maribor region”.
Outlying Primorska’s Brda and Vipava counter their close proximity to the Mediterranean by planting vineyards on the steeper, higher elevation (100-380 m), final foothills of the Alps. This captures prevailing cool winds flowing off higher valleys, slowing ripening and preserving acidity. Sharing borders and climatic conditions with Italy’s Friuli, styles are naturally warmer than interior Slovenia.
Indicative alcohol levels from my winetasting notes taken across two dozen Slovenian producers in all regions reinforces these sub-regional expectations: Svečina and Maribor at 12%, then hovering up around 12.5% between there and Jeruzalem, where 12.5-13% seems more the norm. The coastal regions moved alcohol up a notch to 13-14%.


Slovenian Sauvignon Styles
Multiple Slovenian producers have suggested an over-arching Štajerska style that is lighter, more floral and fruitier than Loire, less herbal and tropical than Southern Hemisphere. One universal agreed upon aim is focus and purity.
The most striking impression of all Slovenian Sauvignon is how relatively dry (0-3 grams) and purely fruited they were. Generally, wines had good levels of natural acidity, well balanced against fruit ripeness. Avoidance of strong Pyrazine-driven, herbal aromas seems universal.
Interestingly, in cooler regions distinctive boxwood aromas supplant greener herbal characters. Spice, floral and mint notes were common as well, with fruits in the citrus, gooseberry, Granny Smith apple spectrum.
Warmer Jeruzalem-Ormož wines tended to be fuller bodied, less floral, more fruit-driven and less acidic and the coastal regions are warmer still, fuller, much fruitier (into peach and tropical characters) and less acidic.
And so, yeah, I reckon Slovenian Sauvignon is bound for glory.
*Salon Sauvignon runs 26-27 June, 2020 http://salonsauvignon.eu/en/
Sauvignon Slovenian wineries by region
• ŠTAJERSKA PODRAVJE – SVEČINA: Vino Falot, Vinarstvo Gaube, Vino Kušter, Vino – turizem Valdhuber, Dveri Pax Estate;
• ŠTAJERSKA MARIBOR: Zlati Grič, Vino Frešer, M-Vina, Vinogradi Horvat, Vino Kaloh;
• ŠTAJERSKA HALOZE: Ptujska Klet (Pullus), Vino Gross;
• ŠTAJERSKA ORMOŽ-JERUZALEM: Family Estate Puklavec, Verus Vinyards;
• PREKMURJE: Vina Marof, Steyer vina;
• POSAVJE -KRŠKO: Vina Albiana, Klet Krško;
• PRIMORSKA – VIPAVA: Guerila vina, Vina Poljšak, Klet Vipava 1894;
• PRIMORSKA – BRDA: Klet Čarga, Klet Brda, Klet Zanut;
• PRIMORSKA KRAS: VinaKras;
• PRIMORSKA – COAST: Brič Estate.

avatar
Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia