Rimani in contatto con noi
[the_ad id="81458"]

ISCRIVITI

News

L’annata 2018 di Arneis presentata nell’evento “VITIS – I Grandi Bianchi del Roero”

Sulla sponda sinistra del fiume Tanaro, intorno a 19 comuni della provincia di Cuneo, trova il suo habitat naturale un vitigno a bacca bianca di cui si hanno ricordi fin dal 1400: l’Arneis.

In dialetto il nome Arneis vuol dire Arnese, cioè cosa di poco conto perchè era coltivata insieme alle più pregiate viti di nebbiolo.

Un vitigno che ha vissuto alterne fortune nel corso della sua vita, tanto da essere nei primi del 1900 quasi prossimo ad essere dimenticato. Solo negli anni ’70, quando ormai se ne potevano ancora rinvenire  pochi filari, sparsi tra quelli del Nebbiolo, con il solo scopo di tener lontani gli uccelli dai nobili chicchi delle uve rosse, il vento è cambiato.

Il territorio del Roero sui terreni collinari  ricchi di argille, gesso e sabbia, è pian piano rinato, mettendo in evidenza tutto il suo potenziale, in particolare modo l’eleganza e la sapidità dei vini risultanti.

Così quelle colline adornate da filari di viti, alberi da frutta, boschi e tantissime altre piante hanno creato un habitat così diverso e allo stesso tempo così ricco tanto da essere dichiarate dall’UNESCO, insieme a Langhe e Monferrato, Patrimonio Mondiale dell’Umanità , e vedono oggi ben 900 gli ettari di vigneti coltivati ad Arneis, con un evoluzione che ha permesso di passare dalle  poche migliaia di bottiglie degli anni settanta agli oltre 6 milioni attuali. I fratelli Ceretto con il loro Blangé hanno saputo conquistare tantissimi consumatori divenendo così esempio per tanti piccoli vignaioli del luogo.

Le colline del Roero

Ricordiamoci che si tratta di una  DOC nata nel 1989, che nel 2004  ha ottenuto la DOCG, e nel 2017  le sono state riconosciute anche le tipologie riserva , con 14 mesi di maturazione, e spumante.

Castello Reale di Govone

Per valorizzare questo vino e il territorio  l’Enoteca regionale del Roero 2.0 ha creato  VITIS – I Grandi Bianchi del Roero  dove, in una spettacolare location, il Castello Reale di Govone,  è stata presentata la nuova annata del Roero Arneis, la 2018, in un clima di festa sopratutto per loro, i vignaioli.

Abbiamo potuto valutare le potenzialità di questa annata grazie ad una degustazione creata appositamente per la stampa, dove ci sono state proposte diverse sfaccettature di questo vino che  ci ha mostrato un’annata, la 2018, nel  complesso buona e che in diversi casi ci ha mostrato tanta freschezza.

Ma parliamo dei vini assaggiati

Roero Arneis DOCG 2018

Roero Arneis DOCG 2018 – Borgogno Rivata

Un’ azienda agricola che oltre ai vini coltiva pere e produce un sidro di pera Madernassa, il Sidrè che abbiamo assaggiato e ci ha positivamente colpito. Il suo Arneis, pur consapevoli che non c’è correlazione diretta, sembra essere  influenzato dalle coltivazioni di pere che circondano le vigne, così accanto a note floreali troviamo profumi di pera inebrianti. Tanta freschezza che accompagna con eleganza una sapidità mai troppo accentuata. Uno dei migliori Arneis che abbiamo assaggiato.

Roero Arneis DOCG 2018

Roero Arneis DOCG 2018 – Cantina Marsaglia 

È la nota di pera a farla da padrone. Sapido, ricco e di buona beva, chiude con sensazioni di frutta bianca matura ed è nel complesso piacevole.

Roero Arneis DOCG 2018

Roero Arneis DOCG 2018 – Ermanno Costa

Anche in questo caso si ha la medesima casualità precedente e il vino di Ermanno Costa sembra evidenziare il territorio e le colture dove di trovano le vigne, in particolare con i profumi i pesca, quasi a ricordare i frutteti presenti. Bella sapidità e ottimo equilibrio.

Roero Arneis DOCG 2018

Roero Arneis DOCG 2018 – Matteo Correggia

Vino di facile beva dove freschezza e sapidità hanno saputo ben integrarsi. Esprime appieno le caratteristiche dell’Arneis dove il finale di mandorla amara non è invadente.

Roero Arneis DOCG 2018

 

Roero Arneis DOCG 2018 – Lorenzo Negro 

Su terreni sabbiosi nasce questo Arneis, che presenta una spiccata sapidità. Note floreali si accompagnano a ricordi di pesca ed anticipano un finale di mandorla amara tipico di questo vitigno.

Roero Arneis DOCG  Riserva San Defendente 2017

Roero Arneis DOCG  Riserva San Defendente 2017 – Deltetto

Un vino che nasce per durare nel tempo, tanto da spingerci a provarlo in un bicchiere da vino rosso, irruente con note agrumate che lo accompagnano durante tutta la beva. Bello il finale di burro fuso.

Roero Arneis DOCG Vigna San Pietro  2017

Roero Arneis DOCG Vigna San Pietro  2017 – Morra

Su un suolo calcareo-sabbioso nasce un vino dove la sapidità la fa da padrona, seguita da freschezza e avvolgenza del sorso.

Roero Arneis DOCG Sette anni 2012

Roero Arneis DOCG Sette anni 2012 – Angelo Negro

Un vino che dopo 7 mesi di affinamento in acciaio rimane in bottiglia per sette anni prima di andare in commercio. L’idea dell’azienda è di mostrare la capacità dell’Arneis, in annate particolari, di durare nel tempo. Un vino dove l’agrume è la nota principale sin dall’inizio, teso, fresco con un finale di arancia molto affascinante.

Roero Arneis Metodo classico Brut  – Lorenzo Negro

Note floreali si accompagnano a burro e erbe officinali , una bolla fine ci accompagna ad un finale mandorla tipico del vitigno.

avatar
Scritto da

Ha fondato Vinodabere nel 2014. Laureato in Economia e Commercio specializzazione mercati finanziari, si è dedicato negli ultimi dieci anni anima e corpo al mondo del vino. Vanta diverse esperienze nell'ambito enologico quali la collaborazione con la guida "I vini d'Italia" de l'Espresso (edizioni 2017 e 2018), e la collaborazione con la guida Slow Wine (edizioni 2015 e 2016). Assaggiatore internazionale di caffè ha partecipato a diversi corsi di analisi sensoriale del miele. Aver collaborato nella pasticceria di famiglia per un lunghissimo periodo gli garantisce una notevole professionalità in questo ambito.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2021 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia