Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

In casa Velenosi nasce una Ninfa e il Ludi in verticale non delude – Presentata a Roma la nuova etichetta e festeggiati i 20 anni del vino top

Si chiama Ninfa: ed è un rosso da 14,5° di alcol.

Un errore? Una svista? No. Anzi! Una scelta programmata e riuscita (con dentro quel drive intelligente, ma non arrendente, al mercato che è da sempre nelle corde della casa) e un battesimo anticipatore dello stile del vino – accogliente, leggiadro, seduttivo, privo di asperità frenanti – che va incontro alle tendenze transnazionali del gusto e insieme ricolloca e rivalorizza i vitigni per semplicità definiti “internazionali” che, nella trama delle scelte dell’azienda, usati, ma sovrastati dal Montepulciano nel vino di maggior prestigio e incalzati dalla spinta delle altre varietà indigene, erano un filo fuori proscenio.


Angela e Marianna Velenosi (madre e figlia, con l’altro rampollo della famiglia assente nell’occasione, ma presente sempre più in cantina) hanno scelto la premiata ditta romana Pipero come sede del debutto.

Alessandro Pipero e Marianna Velenosi

E al di là della affettuosa quanto facile battuta sulla partnership – in una serie sugli abitanti dell’Olimpo e dintorni Alessandro Pipero potrebbe facilmente interpretare, a scelta, o l’attivissimo Efesto o il gran cerimoniere dei satiri capitolini – la cucina della casa con i vini nuovi e vecchi (nell’occasione si sono celebrati anche i vent’anni dall’uscita del primo Ludi, evoluto nel frattempo da Rosso delle Marche a figlio orgoglioso della Docg Offida, con una verticale dalla prima edizione appunto (la 1998) fino alla attuale in rampa (la 2018) ha marciato, è il caso di dire, da dio.


A contorno, e ad aprire, altri florilegi della truppa nutrita e assortita (oltre due milioni di pezzi in media all’anno) che è ormai la produzione targata Velenosi: le bolle di lungo corso della Grand Cuvée Gold 2010; il sorso centrato dell’altro pilastro ormai storico della gamma, il Roggio del Filare Rosso Piceno DOC Superiore 2018; il bianco Rêve Offida DOCG Pecorino 2019 e il back home” (Angela è abruzzese, nata sul versante teramano de Tronto e poi “migrata”oltre il fiume) Verso Sera Colline Teramane Docg 2019 (e quindi Montepulciano d’Abruzzo 100%).
Quanto alla neonata, la Ninfa Marche IGT Rosso 2019, blend a dosaggio annualmente variabile di Cabernet Sauvignon, Merlot,  Montepulciano e Syrah fermentati separatamente in acciaio, elevati in fusti da 300 litri per periodi compresi tra l’anno e mezzo e i due, e quindi assemblati e ulteriormente affinati in vetro, nel calice interpreta a puntino il ruolo cui è destinata: accogliente e “fruttosa”, speziata al punto giusto e rinfrescata da una misurata vena balsamica, si beve con facilità, ma non in modo superficiale. Fatta per piacere, piacerà. Ma è fatta gran bene. E ha un prezzo “leggero” come la figura evocata dal nome.
Quanto ai Ludi, non deludono. Altra stoffa, altro calibro, altro destino ovviamente. Con il 1998, il grande vecchio, a fare bravamente il suo 23 anni dopo la vendemmia, e a nobilitare il blend originario (Syrah, Montepulciano, Cabernet e Merlot) con espressioni evolute ma perfettamente bilanciate tra cioccolata, spezie, frutta secca, disidratata e in confettura, e tenendo in bocca la nota per una lunghezza da tenore.
Sorprendente il 2002 (annata sulla carta certo non da… campionato) ma ancora in forma. Già “alleggerito” del Syrah, Montepulciano all’85%, bordolese fifty-fifty per il restante 15%, marca alcune delle stimmate di un millesimo meno propizio, ma le riscatta “girando” su espressioni più terrose e “boscose”, e nuance di tabacco scuro. Regge la beva, e anche il confronto a tavola. Che anzi gli giova.
L’asticella risale – e non di poco – con il morbido e solido 2010, annata – al contrario – di grazia, madre di un Ludi avvolgente e di stoffa insieme morbida e solida. Il blend è praticamente identico al precedente (stessa dose di Montepulciano, praticamente simile quella dei due alloctoni) ma l’esito è decisamente più fascinoso.
Quanto all’ultimo nato, il 2018, stessa ricetta dei due precedenti, barrique per un anno a fissarne le forme, è uno di quei vini per cui di primo acchito è facile sentire commenti tipo “tanta roba”. Perché ce n’è. E molto assortita. La spezia scura evidente, la nota balsamica di contrasto, il frutto intenso e denso del Montepulciano, la nota calda, alcolica (ma integrata, e con tannini importanti ma non esagerati, evidentemente assistiti da sufficiente acidità) che è quasi inevitabile stimmata delle ultime annate; e però anche un refolo profumato di frutta rossa più chiara che rifinisce la beva. Già pronto, e con strada. Come vuole il copione dei rossi territoriali ma contemporanei, aperti da subito al confronto a tutto campo.

 

Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2020 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia