Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

Comunicati Stampa

CONCOURS MONDIAL DE BRUXELLES, UN’EDIZIONE FUORI DAL COMUNE

La prima sessione di degustazione del 27° Concours Mondial de Bruxelles è iniziata oggi, in condizioni assolutamente inedite. Per la prima volta nella storia della competizione, le degustazioni si svolgono a inizio settembre. Nel cuore della Moravia meridionale, a Brno, i nostri 250 degustatori hanno dato il via alle sessioni rispettando scrupolosamente le regole sanitarie in vigore.
Nonostante le condizioni particolari, le 55 giurie valuteranno ognuna fino a 50 vini al giorno. Le iscrizioni sono divise in serie coerenti, in base a diversi criteri quali l’origine, il vitigno, il grado alcolico, il tenore in zucchero residuo e il prezzo. 8.500 vini provenienti da 46 paesi produttori partecipano, quest’anno, alla competizione. Il paese ospitante ha iscritto circa 370 vini (un numero 3 volte maggiore rispetto al 2019) collocandosi al quinto posto per numero di iscrizioni, preceduto soltanto dalla Francia, dalla Spagna, dall’Italia e dal Portogallo.
I vini cechi, i gioielli nascosti della viticoltura europea
Principalmente nota per la sua birra, molti non sanno che il vino in Repubblica Ceca è più antico del paese stesso. In effetti, la viticoltura nella regione della Moravia meridionale risale ai tempi dell’Impero Romano. La città di Brno, dove si svolge questa 27ª edizione, è situata nella regione viticola della Moravia, dove si trovano il 96% dei vigneti cechi. Nonostante le sue dimensioni e una superficie relativamente piccola (17,421 ha), la Repubblica Ceca conta oltre 50 varietà diverse. Il 69% dell’intera superficie vitata è coltivata con varietà bianche. Tra i vitigni di nuova costituzione troviamo il Moravia Muscat, il Pálava, l’André.
Pavel Krška, direttore del centro nazionale del vino in Repubblica Ceca: “La qualità dei vini della Moravia e della Boemia merita di essere valorizzata, non soltanto nel nostro paese ma anche nel mondo intero. Siamo molto felici di accogliere i degustatori nell’ambito di questo concorso di fama internazionale e di promuovere la viticoltura e la Repubblica Ceca, nel suo insieme.”
Rispetto delle regole sanitarie
Per garantire il buon svolgimento della competizione, il Concours Mondial de Bruxelles ha predisposto misure sanitare rigorose. Purtroppo, a discapito dei valori dell’organizzazione, quest’anno i degustatori provengono esclusivamente da paesi europei. L’organizzazione mette a loro disposizione maschere di protezione e gel idroalcolico. Diversi pannelli esplicativi mettono in evidenza tutti i gesti barriera utili e ricordano le esigenze di distanziamento fisico essenziali. L’uso della maschera è obbligatorio per tutti negli spazi comuni e durante tutti gli spostamenti.
Le sessioni di degustazione saranno organizzate come ogni anno secondo la procedura del Concours Mondial de Bruxelles. Ogni degustatore dispone di un tavolo individuale e di uno spazio di lavoro nel rispetto delle regole di distanziamento. Il servizio dei vini è organizzato da personale professionale che indossa guanti e maschera. Gli spostamenti all’interno della sala di degustazione sono organizzati, strettamente limitati e con l’obbligo dell’uso della maschera. Infine, un’assistenza medica a disposizione di tutti è presente in permanenza sui luoghi.

avatar
Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia