Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

Aziende

TORRE DEL MARE 2006 – PIANA DEI CASTELLI ( Velletri )

Matteo Ceracchi tra le vigne

Voglio di parlare di un azienda che ha la sua sede a Velletri una cittadina del Lazio a pochi km da Roma.
Il suo proprietari Matteo Ceracchi è un giovane uomo spinto da una passione immensa.
Figlio di grossisti di vino dei castelli romani, decise di avventurarsi con le proprie forze in questo mondo così affascinante.
La sua passione inizia da giovane tanto chesi trasferisce a San Michele all’Adige dove avviene la sua formazione enolologica, poi una volta completati gli studi fa ritorno al paese di nascita dove, tutto da solo, decide di dar vita alla “ sua aziendaPiana dei Castelli.
Matteo sceglie con cura i terreni , in parte di proprietà della famiglia , in parte acquistati facendo enormi sacrifici e in parte in affitto.
Inizia a mettere in atto le sue idee , è un giovane uomo molto ambizioso, talvolta troppo sicuro di se , ma proprio questo gli ha permesso di andare avanti e raggiungere gli obiettivi che si era prefissato sin dall’inizio.
Egli vive spesso nelle sue vigne, dalla mattina quando ancora non sono sorte le prime luci  fino a tarda sera e spesso lo si può trovare nelle vigne con i fari del trattore accesi a dissodare il terreno. Matteo è li a coccolare e accudire le sue piante ed a parlarne con enfasi ogni volta che qualcune ne chiede notizie .
Ssperimenta ogni idea che gli giunge nella testa, talvolta con grande successo talvolta meno, ma prova prova prova sempre e non si scoraggia mai, usando sempre quelle tecniche che ha affinato anno dopo anno con l’esperienza.
Evita le manifestazioni vinicole, non vuole far parte delle guide, poche volte lo si incontra in giro, perché la sua vero amore è la vigna e il vino che produce.
Lo ho incontrato tanti anni fa ad una cena , mi raccontava delle sue idee , la vendemmia ad Ottobre- Novembre e talvolta la prima settimana di Dicembre, le viti dove lasciava soltanto un grappolo per pianta e, sinceramente, allora tutto ciò mi sembrava molto strano, principalmente perché a farlo era un ragazzo.
Decisi di andarlo a trovare sia durante la vendemmia sia mentre imbottigliava, senza preavviso,  devo ammettere che non avevo creduto alle sue parole durante la cena, sopratutto perchè ci troviamo nel Lazio una terra che non ha mai avuto la vocazione vinicola che possiamo trovare in Toscana e in Piemonte.

Follia bianco e il Grechetto

Ma mi accorsi che tutto quello che mi aveva raccontato era vero, Matteo come si definisce lui è un ” folle” della viticoltura e forse per questo  ha voluto chiamare alcuni dei suoi vini : Follia.
La sua ambizione è cosi grande da sfidare i francesi a casa loro facendo una bellissima figura , possiamo trovare i suoi vini in alcuni ristoranti parigini che dopo averlo ospitato in queste sfide alla cieca hanno deciso di inserire i suoi vini nella carta.


TORRE del Mare 2006

Oggi voglio  parlare di un taglio bordolese fatto con  50% di Merlot e 50% Cabernet sauvignon, un vino di cui ne vengono prodotte 9000 bottiglie l’anno di 14.5°, le cui uve sono raccolte nella 1 settimana di Dicembre.

TORRE del MARE 2006   
Nel bicchiere si presenta di un rosso rubino carico, al naso frutta rossa, amarena e ribes, poi viola tabacco e spezie , in bocca è pieno con un tannino ben equilibrato e una nota dolce finale che contrasta la nota piccante che contraddistingue il vino per tutta la beva.
Daniele Moroni

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

Scritto da

Ha fondato Vinodabere nel 2014. Laureato in Economia e Commercio specializzazione mercati finanziari, si è dedicato negli ultimi dieci anni anima e corpo al mondo del vino. Assaggiatore internazionale di caffè ha partecipato a diversi corsi di analisi sensoriale del miele, vanta diverse esperienze nell'ambito enologico quali la collaborazione con la guida "I vini d'Italia" de l'Espresso (edizioni 2017 e 2018), e la collaborazione con la guida Slow Wine (edizioni 2015 e 2016).

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d'Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Ma è giusto pagare l'acqua del rubinetto al ristorante?

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia