Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

Aziende e vini esteri

Il MERANO WINE FESTIVAL 2014 e i VINI della ROMANIA

Ai lati due produttori romeni  al centro della foto, Marinela Ardelean e Daniele Moroni  

Il Merano Wine Festival nell’edizione 2014 si accinge ad andare incontro alle tendenze e a dare più spazio a nazioni emergenti nell’ambito vinicolo, il motivo di questa svolta, che vede penalizzate nazioni aventi una storia nel mondo del vino , tra le quali la Germania, potrebbe derivare dalla sempre maggior necessità del ” nuovo ” a scapito del vecchio , della storia  della tradizione.
Bisogna ammettere che in un mondo che vuole sempre andare avanti , seguire questa strada diventa un dovere , ma non sempre questa scelta porta a grandi vantaggi, comunque è il tempo che confermerà o smentirà tutto ciò.
Detto ciò al Merano Wine Festival 2014 troviamo  un buon numero di produttori  provenienti dalla Romania , nazione che ultimamente sta cercando di affacciarsi in modo prepotente nel mondo enologico di contro per bilanciare questa necessità di nuovo al Festival troviamo un evento , proposto soltanto nella giornata di venerdì  e solo per 3 ore , CULT 2014, che propone il ritorno alle origini di questa manifestazione , con la presenza di sole 40 aziende storiche a rappresentanza del mondo vinicolo italiano, al fine ri rinverdire il Merano wine festival cosi come era stato concepito alle sue origini , con pochi produttori ma attentamente selezionati.
Ritorniamo ai vini romeni, devo dire che conosco poco o quasi nulla di questa realtà enologica e proprio per questo mi faccio guidare in questo viaggio da Marinela Vesilica Ardelean, una donna che ha deciso di far conoscere la realtà enologica del suo paese di origine e diventarne ambasciatrice nel mondo.
Marinela , che ha anche scritto un libro sui vini romeni, presentato durante il Merano Wine Festival 2014, mi guida in modo perfetto alla scoperta di questi vini , oggi , a me misteriosi e sconosciuti.
I produttori , tutti molto gentili e desiderosi di far conoscere i loro vini si mostrano molto accoglienti verso tutti coloro che si presentano ad i banchi di assaggio , e proprio questo mi rende molto ben disposto alla loro conoscenza.
La prima azienda che assaggio , e la mia preferita, è : CRAMA BASILESCU    
I vini proposti sono;

FATEASCA ALBA 2011
un vino bianco dal vitigno fateasca bianco, che fa solo acciaio,, in bocca profumi di frutta a polpa bianca , con una nota di anice che ritrovo anche all’assaggio , una bella mineralità e sapidità con una bella lunghezza finale.

Fateasca Alba 2011 – BASILESCU


FATEASCA NEAGRA 2008 ANCESTRAL  – 


questo vino fatto con il vitigno fateasca nera , non fa legno, solo acciaio, appare ancoro molto giovane nella sua complessità, al naso oltre alla ciliegia, cioccolato tabacco troviamo ancora la nota alcolica, all’assaggio la frutta rossa si ripropone e poi note speziate e il pepe nero in particolare, il tannino ancora ruvido ma bello e questo fa ben sperare per il futuro di questo vino.

Fateasca Neagra 2008 Ancestral -BASILESCU

Da menzionare CROMA OLIVER BAUER con il suo :
CRAMPOSIA SELECTIONATA 2013 
Un vino bianco che scaturisce dall’assemblaggio di diversi vitigni, al naso troviamo un profumi di fiori bianchi , in bocca una nota dolce si integra con una bella mineralità , il vino ha una bella lunghezza finale , lo trovo leggermente mosso ma ciò ben si abbina alla sua dolcezza.
Cramposia Selectionata 2013 – BAUER

Menziono alche DAVINO con il suo Sauvignon blanc – REVELATIO DEALU 2013 che propone una bella mineralità e sapidità anche se un pò corto nel finale
Revelatio 2013 – DAVINO
 Un ultima menzione all’azienda CRAMA GIRBOIU con il suo :

LIVIA PLAVAIE 2013 un vino bianco al naso fruttato e una nota speziata che ritroviamo in modo evidente anche all’assaggio
BACANTA COTESTI 2009 un vino di uve merlot , ancora molto giovane , con un tannino irruente che mostra una bella nota speziata finale.
Marinela mi fa notare che la caratteristica dei vini di questa azienda , sita a Dumbraveni, è la speziatura che ricorre in tutti i vini ad evidenziare una caratteristica della zona, e ciò li rende molto interessanti.
Alla fine mi ritengo molto soddisfatto di questo piccolo viaggio che ho intrapreso insieme a Marinela , perchè mi sono reso conto che la Romania è un paese con potenzialità , con alcuni vini . che già oggi, non sfigurerebbero nel panorama enologico mondiale , sopratutto per il loro rapporto qualità- prezzo, e tanti altri che hanno potenzialità e che sentiremo parlare nei prossimi anni.
Grazie Merano, grazie Marinela per aver aumentato la mia conoscenza in questo meraviglioso mondo.

Daniele Moroni
Foto Roberto Fasulo

avatar
Scritto da

Ha fondato Vinodabere nel 2014. Laureato in Economia e Commercio specializzazione mercati finanziari, si è dedicato negli ultimi dieci anni anima e corpo al mondo del vino. Assaggiatore internazionale di caffè ha partecipato a diversi corsi di analisi sensoriale del miele, vanta diverse esperienze nell'ambito enologico quali la collaborazione con la guida "I vini d'Italia" de l'Espresso (edizioni 2017 e 2018), e la collaborazione con la guida Slow Wine (edizioni 2015 e 2016).

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Ma è giusto pagare l'acqua del rubinetto al ristorante?

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia