Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

Degustazione

" IL Conte Garozzo" :- Cosa ho provato e cosa ancora provo –

” il Conte Garozzo “

 Non appena arrivato nelle cucine , ho pensato a dove mi trovavo, all’opportunità che mi era stata concessa , e subito una forte emozione mi ha invaso tutto il corpo giungendo fino al mio cuore, e lasciandomi estasiato per qualche momento.
Perchè la vita è emozione! Emozionarsi è vita e io, sin da bambino, ho imparato ad emozionarmi in cucina. I profumi, gli odori sprigionati in cottura, il gusto caratterizzante, a volte forte e deciso, delle materie prime a cui pian piano ho imparato ad avvicinarmi e ad apprezzare, la storia e le tradizioni che raccontano di una saggezza popolare infinita mi hanno legato sempre più alla buona tavola.


Oggi, adulto e attento, quell’emozione cerco di regalarla così come fu regalata a me. Un’emozione che possa raccontare agli altri il piacere di donare e di donarsi attraverso un piccolo gesto dietro il quale c’è una parte importante del nostro cammino

scelta di ottime verdure
Ho sempre provato a conservare nel mio cuore gli appassionati racconti di mio padre attraverso i quali m’insegnava a capire e a conoscere la buona tavola e le grandi materie prime di qualità. Ecco perché nelle mie ricette c’è sempre un’attenta selezione. Se penso allo scorfano, per esempio, penso ad pesce di scoglio, predatore opportunista, che si nutre quasi esclusivamente di piccoli pesci, crostacei e molluschi la cui carne, soda e gustosa, è estremamente adatta ad insaporire zuppe e brodetti. Ma, a mio avviso, per esaltare le caratteristiche di elevata digeribilità, il basso contenuto di grassi e la ricchezza di proteine nobili, dobbiamo preparare lo scorfano a filetti in modo che il tempo di cottura sia il più breve possibile. Verdurine e frutta secca, con erbe aromatiche di stagione, rappresentano un connubio inscindibile per la preparazione di questo pesce straordinario di grandissima eleganza.

” Il Conte Garozzo ” – l’ Aristocratico del Gusto –

avatar
Scritto da

Ha fondato Vinodabere nel 2014. Laureato in Economia e Commercio specializzazione mercati finanziari, si è dedicato negli ultimi dieci anni anima e corpo al mondo del vino. Assaggiatore internazionale di caffè ha partecipato a diversi corsi di analisi sensoriale del miele, vanta diverse esperienze nell'ambito enologico quali la collaborazione con la guida "I vini d'Italia" de l'Espresso (edizioni 2017 e 2018), e la collaborazione con la guida Slow Wine (edizioni 2015 e 2016).

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Ma è giusto pagare l'acqua del rubinetto al ristorante?

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia