Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

E’ tempo di guide sui vini e abbiamo la possibilità di scegliere e di comprendere.- It ‘time to guides on wines and we have the ability to choose and understand.

i vini che troviamo nelle guide

Settembre – Ottobre, il periodo per antonomasia della vendemmia. Raccolta, selezione, lavorazione e tutto ciò che serve per per produrre il vino che dovrà essere messo in commercio successivamente, a breve o lungo termine. Come per i vini e l’uva, è tempo di “vendemmia” per le guide che recensiscono i vini. Iniziano le presentazioni per le messa in commercio presso edicole, librerie, volendo anche in qualche ipermercato. Se i vini hanno avuto e continuano ad avere un implemento ed una maggiore attenzione per cercare di ottenere prodotti sempre migliori, dovute alle esigenze del consumatore, anche le guide dei vini hanno la stessa tendenza. Anzi se dobbiamo dirla tutta è proprio grazie alle guide sui vini che il consumatore è diventato maggiormente esigente ed attento, oltre che stuzzicato dalla curiosità! Fino ad un sette, otto anni fa le guide non erano tantissime, ora iniziano ad essere sempre di più, il tutto con notevoli vantaggi per chi recandosi in enoteca o al supermercato vuole andare ad acquistare del vino. Ogni guida ha un suo criterio di valutazione ed un proprio stile (come è giusto che sia) che si adatta allo svariato “pubblico” che è appassionato del mondo enologico e che allo stesso tempo rende le varie guide complementari l’una con l’altra. Si va da quella che ha il maggior numero di cantine e di vini recensiti, a quella che fa scelte ben precise addentrandosi più nel dettaglio e dando un numero di recensioni minore. Altro aspetto che diversifica ed innesca maggiore curiosità per l’acquisto è la campionatura per gli assaggi. Chi va a fare le visite in cantina e vedere l’ambiente, oltre che assaggiare i vini da mettere in commercio, a chi valuta in vini in delle degustazioni di concorsi, oppure dalla guida che “suggerisce” l’abbinamento, a quella che fa una valutazione con voti frazionati. In ogni modo come veniva detto prima è una sorta di complementarità di una guida con un’altra, in modo tale da coinvolgere sempre di più chi ha la passione per il “pianeta vino” o chi si vuole addentrare in questo affascinante mondo. Ed in questo caso si può dire che la concorrenza fa bene un po’ a tutti.

September-October, the period par excellence of the vintage.
Collection, sorting, processing and all you need to to produce wine to be marketed later, short or long term.
As for wine and grapes, it is time to “harvest” for guides who review wines.
Begin presentations for the marketing at newsstands, bookstores, also wanting in some hypermarket.
If the wines have had and continue to have a implemento and greater attention to try to get better and better products, due to the needs of the consumer, even the wine guides have the same tendency. Indeed if we are honest it is thanks to the guides about the wines that the consumer has become more demanding and attentive, as well as teased by curiosity!
Up to a seven, eight years ago the guides were not many, now beginning to be more and more, all with significant benefits for those going in a wine shop or the supermarket wants to go to buy wine.
Each drive has its own evaluation criteria and its own style (as it should be) that suits the various “public” who is fond of the wine world and at the same time makes the various guides complement each other .
It ranges from the one that has the largest number of wineries and wine reviewed, to that which makes precise decisions penetrating in more detail, and giving a lower number of reviews. Another aspect that differentiates and triggers more curiosity to the purchase is the sampling for tastings. Who’s going to make visits to the cellar and see the environment, as well as taste the wines to market, to the evaluator in wine tasting competitions, or the guide that “suggests” the combination, to that which is an evaluation with fractional votes.
Anyway as it was said before it is a kind of complementarity of a guide with another, so as to involve more and more those who have a passion for the “wine world” or those who wish to delve into this fascinating world.
And in this case one can say that competition is good a bit at all.

Fabio Cristaldi

avatar
Scritto da

Come per tutte le cose importanti si inizia per gioco e poi... si fa sul serio. È dal 2006 che mi sono appassionato e sono stato introdotto nel mondo del vino, GRAZIE a MIO PADRE. Poi per capire qualcosa in più ho seguito un corso e..... nel 2013 ho conseguito il diploma di sommelier. A tutti coloro che sono appassionati di vino, dico che bisogna sempre provare e degustare vini diversi, cercando di capire quello che il vino ci trasmette, perché il vino non va bevuto! Il vino va degustato!!

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Ma è giusto pagare l'acqua del rubinetto al ristorante?

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia