Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

Aziende

Dall’Etna ai Peloritani, Enza La Fauci

“Qui dove il mare luccica e tira forte il vento…”. No, non è il golfo di Sorrento, ma la zona di  Messina. Il vento è qualcosa di pauroso, quando arrivo nella proprietà della Tenuta Enza La Fauci, mi viene detto che tutto sommato il vento che c’è non farà danni notevoli alle uve, poiché a questa situazione si sono adattate e possono resistere ad un vento così violento, al contrario di qualche anno fa che i grappoli erano in uno stato “embrionale” e buona parte di essi furono strappati dalle piante. Proprio per questo uno dei vini dell’azienda è stato chiamato ” Terre di vento “.

la fauci 8

il vigneto

Il vigneto si trova in contrada Mezzana ed ha una estensione di Ha 2,5 mentre altri Ha 2 sono in affitto sull’Etna in contrada Nave. Il sesto di impianto nella vigna che si affaccia sul Tirreno è di 3.000 piante per ettaro e vengono coltivati Zibibbo, Nero d’Avola, Nerello mascalese, Nerello capuccio e Nocera.

Enza La Fauci viene “catturata” dal mondo enologico grazie al fratello che è produttore di grappa e nel 1980 andando al Vinitaly, ha trovato l’ispirazione e da li la decisione di iniziare a produrre vino.

la fauci 7

i filari colpiti dal vento

In azienda ogni vitigno ha un suo periodo di vendemmia, con tempistiche più o meno precise. Si inizia con lo Zibibbo che viene vendemmiato ad Agosto e poi man mano si passa agli altri. L’ultima uva ad essere vendemmiata è il Grecanico che viene coltivato sull’Etna, dove Enza ha dei terreni in affitto, una scommessa fatta anni or sono con se stessa che la ha portata a vinificare il Grecanico in purezza in quel territorio.

le fauci12

il mar Tirreno

Arrivare nelle vigna di contrada Mezzana è un’impresa, bisogna affrontare una stradella di notevole pendenza e fare diversi tornanti prima di arrivare a destinazione. Ma alla fine…… ne è valsa la pena. Una piena visione del Mar Tirreno visto dall’alto e se si ha la fortuna di trovare la giornata giusta, senza nuvole e foschia lo spettacolo è assicurato, sopratutto se accompagnato con un calice di vino bianco o di rosso. Si vedono le Isole Eolie e la Calabria. Tutto attorno è lasciato in maniera quanto più naturale possibile, in modo tale da conservare il paesaggio e rimanere nella semplicità.

L’azienda ha una produzione modesta, in fin dei conti sono Ha 2,5  quindi i quantitativi “artigianali”. Tutto questo incide nell’acquisto di bottiglie, tappi, capsule, etichette e quant’altro, ma quando in una cosa ci si crede e se ne è affascinati… nulla ti spaventa. Il desiderio è quello di crescere e di espandersi, nelle dovute misure, senza snaturare il prodotto.

la fauci5

la barricàia

Entrando nella barricàia e nella cantina sembra di essere a casa e non in un’azienda vitivinicola, giusto per confermare la semplicità del tutto. Semplicità dei luoghi e grande bellezza, ma per i vini cambia poco, poichè è il terroir a fare la differenza, dà il suo contributo, sopratutto per lo Zibibbo, che per l’appunto è diverso da quello coltivato nella zona di Siracusa.

Ma parliamo ora dei vini che l’azienda produce e che ho assaggiato in azienda:

la fauci2

Case Bianche 2015

Case bianche 2015 – Zibibbo in purezza

Ha un colore giallo scarico. A naso ha un bouquet importante, con un corredo aromatico notevole, fiori, note erbacee, mela golden, pera, con un finale di nota iodata. In bocca è signorile con una buona freschezza e con una nota alcolica che è un pò sotto alla quantità necessaria per controbilanciare a dovere. Una leggera sapidità. La retronasale dà una bella sensazione, con un ritorno di tutto quello che si è sentito prima a naso. Bella persistenza e discreta progressione.

la fauci 9

Incanto 2015

Incanto 2015 – Grecanico in purezza

Il colore è un giallo paglierino. Olfattivamente si sente che è un intruso, lime di limone, pietra focaia, pera kaiser. In bocca è veramente interessante, poichè il Grecanico non è facile da “addomesticare”, una buona acidità, ma non è scorbutica, dà un senso di pienezza. Il fatto che abbia raggiunto i 13% riesce a bilanciare egregiamente l’acidità. Bella la retrolfattiva, buona la progressione.

la fauci3

Terra di Vento 2014

Terre di vento 2014 – 60% Nerello mascalese, 15% Nocera, 15% Nerello capuccio, 10% Nero d’Avola

Un rosso rubino scarico è il suo colore. Sentirlo nel bicchiere è accattivante, con sentori di cappero, mora, ciliegia sottospirito. L’assaggio fa capire che siamo ancora agli inizi con una tannicità scalpitante che allo stato attuale viene controbilanciata dall’acidità. La persistenza in bocca è più che buona. Con la retronasale si ha una lieve percezione di nota vanigliata (il che significa legno), ma non è invadente.

la fauci4

Oblì 2013

Oblì 2013 – 60% Nerello mascalese, 15% Nocera, 15% Nerello capuccio, 10% Nero d’Avola

Si presenta nel calice con un rosso purpureo impenetrabile. Il bouquet è di tutto rispetto, elegante ed accattivante, nota iodata, spezie dolci, mora, vaniglia, un pò di pietra focaia. All’assaggio è un vino di corpo, pienezza in bocca con un equilibrio che trova un bel bilanciamento alcolico – tannico – acido. Il passaggio in legno viene confermato con la retrolfattiva, ma non è invadente ma bensì di accompagnamento. Persistenza e progressione discrete.

Fabio Cristaldi

 

avatar
Scritto da

Come per tutte le cose importanti si inizia per gioco e poi... si fa sul serio. È dal 2006 che mi sono appassionato e sono stato introdotto nel mondo del vino, GRAZIE a MIO PADRE. Poi per capire qualcosa in più ho seguito un corso e..... nel 2013 ho conseguito il diploma di sommelier. A tutti coloro che sono appassionati di vino, dico che bisogna sempre provare e degustare vini diversi, cercando di capire quello che il vino ci trasmette, perché il vino non va bevuto! Il vino va degustato!!

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Ma è giusto pagare l'acqua del rubinetto al ristorante?

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia