Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

BENVENUTO BRUNELLO OFF 2021: Le impressioni sul Brunello Annata (2016) ed i migliori 10 assaggi

La prima anteprima dell’anno che rimarrà sicuramente nella storia per molti motivi: il primo tra tutti per un tris di annate grandiose, la 2016 Brunello di Montalcino annata, 2015 Riserva ed il promettente Rosso 2019, secondo per l’eccezionalità dell’evento.

Grazie agli sforzi organizzativi del Consorzio del Brunello di Montalcino la manifestazione si è svolta in presenza ed in sicurezza permettendo così ai pochi e selezionati operatori di farsi un’idea sul presente e futuro di queste annate, così celebrate ancora prima che uscissero ufficialmente.

Il servizio dei vini era curato dai sommelier Ais, tutti opportunamente muniti di mascherina e visiera in plexiglass, inoltre per limitare il contatto con la bottiglia, i vini erano serviti avvalendosi dell’utilizzo di Coravin, partner dell’evento.

Accortezza più che giustificata da motivi di sicurezza, tuttavia alcuni vini sul profilo olfattivo sono stati purtroppo penalizzati, per il fatto che le bottiglie non erano aperte, e la mancanza di tempo non permetteva le meritate attese nel bicchiere.
Dagli assaggi della celebrata annata 2016 è emersa un’omogeneità di livello, alto, che mette in evidenza il lavoro qualitativo dei produttori e l’impostazione stilistica dei vini. Nel suo complesso l’annata 2016 si presenta ottima, già aperta, ed accentua i caratteri e le differenze territoriali dei vini: in alcuni emergono evidenti note di marasca, floreali, in altri invece, come nel versante Nord-Est l’annata 2016 ha esaltato i toni più minerali, terrosi, quasi ematici, con frutta scura, in altri ancora specialmente nel quadrante Sud, zona Sant’angelo, emerge ricchezza di frutta, sapidità e con toni balsamici.

In buona sostanza sono vini di grande piacevolezza, pronti già al consumo, grazie ad un tannino vivace ma elegante, ben modellato ed un utilizzo del legno dosato. In alcuni casi si è sentita un po’ la nostalgia di quell’acidità tagliente, del tannino nervoso che avrebbe fatto pensare più ad un purosangue da domare invece che al cavallo dressato. Esigenza di mercato oppure cambiamento climatico? Forse entrambi: spesso ci dimentichiamo che, come diceva Galileo Galilei, “il vino è un composto di umore e luce”: cambia in base al tempo ed agli usi e costumi. Oltre alla questione del cambiamento climatico, che non interessa solo Montalcino, si è delineata sempre di più la tendenza delle aziende a presentare, oltre alla Riserva, una Selezione, ovvero una vigna, o un Cru vocato alla produzione di un grande vino che ha portato il Brunello annata ad essere considerato commercialmente la “base” produttiva.

Questo giustificherebbe la scelta stilistica di produrre un Brunello di gran qualità ma con un tannino con meno esuberanza, ed un corpo più generoso fin da subito. E di qui, viene da chiedersi quale sarà la finestra di tempo dell’annata 2016, in particolare sulla prospettiva che questo cambiamento, sia climatico che di impostazione qualitativa, potrà portare nel lungo periodo.

Dopo aver assaggiato tutti i Brunello Annata (circa 140) ecco i miei 10 migliori assaggi del Brunello di Montalcino 2016:
1) Albatreti: austero e rigoroso, note di ciliegia e di arancia sanguinella, sapido e lungo sul finale.
2) Poggio di Sotto: complesso e raffinato, gran qualità aromatica della frutta, il tannino è teso e lungo a distendersi.
3) Le Ragnaie: un profilo aromatico articolato, note di marasca, terra bagnata, balsamico nel finale, di grande eleganza
4) Pietroso: carattere e personalità, profilo olfattivo di toni scuri dominati dalla frutta matura e dalle spezie dolci.
5) Salvioni: un classico intramontabile, grande equilibrio tra le note ematiche, terrose e la frutta dai noti scuri con accenni balsamici, il tannino è ruvido e vivace.
6) Ventolaio: finezza aromatica e gustativa con note di viola e frutti di bosco, corpo snello ed un tannino ben modellato.
7) Franco Pacenti: vino di bell’equilibrio buona freschezza e sapidità che bilanciano le note di frutta scura e balsamiche.
8) Pinino: corpo snello, vibrante, un tannino fitto e modellato ricco negli aromi di frutta scura.
9) San Polino: vino dinamico e fragrante nei toni della frutta rossa e floreali, corpo fine con accenni sapidi che si allungano sul finale.
10) Tiezzi Enzo e Monica: note di frutta scura si alternano a toni balsamici, il tannino è di impatto ma chiude con un finale dolce e lungo.

Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2020 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia